//
you're reading...
Europe, USA

I costi nascosti dei trattati commerciali europei. Il rapporto di Amici della Terra

resize

Fonte l’Antidiplomatico – Gli effetti perversi del meccanismo di risoluzione delle controversie tra investitore e Stato.

L’equivalente del salario annuo di 230.000 infermiere: questo è ciò che la Polonia ha dovuto pagare una compensazione finanziaria a dei grandi investitori che si sentono danneggiati. 2,2 miliardi in tutto. Nel 2010, un assegno di 219,9 milioni è stato firmato a favore del settore farmaceutico francese. In discussione: una riforma dell’autorizzazione per la commercializzazione di alcuni medicinali con conseguente denuncia di diverse società francesi, tra cui Servier, già tristemente noto per lo scandalo Mediator, un antidiabetico accusato di aver causato la morte di 1.000 persone in Francia.
L’ironia è che questa riforma attuata nel 2001 è stata richiesta dalla Commissione europea per l’adesione della Polonia. Nel 2003, è stata la compagnia di assicurazione olandese Eureko ad attaccare la Polonia per il suo rifiuto di privatizzare completamente la compagnia di assicurazione pubblica PZU. Varsavia ha dovuto pagare 2,19 miliardi di euro ad Eureko, che voleva diventare l’azionista di maggioranza della compagnia di assicurazione polacca.
Questi esempi, ed altri in Germania, Repubblica Ceca e Romania, sono dettagliati in un rapporto pubblicato il 4 dicembre dall’associazione Amici della Terra Europe, network indipendente che riunisce una trentina di organizzazioni ambientaliste. Il rapporto, “I costi nascosti dei trattati commerciali europei” illustra concretamente gli effetti perversi del meccanismo di risoluzione delle controversie tra investitore e Stato.
Questi dispositivi, associati ad un accordo commerciale tra Stati, consentono ad una multinazionale o ad un fondo di investimento di esigere un indennizzo in caso di riforme, una nuova legislazione sociale e ambientale, o il rifiuto di privatizzare determinati settori.

Queste “controversie” sono giudicate da un tribunale arbitrale privato, in riferimento ai termini degli accordi commerciali bilaterali che sono stati conclusi. Questi sono gli stessi dispositivi tanto criticati che potrebbero essere introdotti negli accordi commerciali in corso di negoziato tra l’Unione europea e gli Stati Uniti per un grande mercato transatlantico (Tafta / TTIP) o con il Canada (Ceta). In Francia, senatori e deputati hanno votato delle risoluzioni a fine novembre dove chiedono al governo di abbandonare questo tipo di meccanismi.

La relazione di Amici della Terra Europa individua, negli ultimi 20 anni, 127 conflitti commerciali di questo tipo, per venti paesi dell’Unione europea. Le richieste di risarcimento da parte degli investitori superano i 30 miliardi di euro.

L’Europa orientale è particolarmente colpita: tre quarti delle richieste di risarcimento sono presentate ai nuovi paesi membri. Di questi 127 casi, il 60% riguardava il settore ambientale: fossili e energia nucleare, il riciclaggio dei rifiuti, l’agricoltura … e vengono chiesti almeno 12 miliardi di risarcimento.

Il rapporto analizza l’azione intentata contro la Germania nel 2012 dalla società energetica svedese Vattenfall. L’azienda esige 4,7 miliardi di compensazione dalla Germania per aver deciso di eliminare gradualmente l’energia nucleare ed eliminare gradualmente le sue centrali, due delle quali sono di proprietà della Vattenfall.

Questo è uno dei 46 casi ancora in corso sui 127 conflitti commerciali esaminati. Gli altri hanno dato luogo ad un arbitrato che si è concluso a favore dell’investitore nel 18% dei casi, ad una composizione amichevole della controversia – una compensazione è, tuttavia, pagata dallo Stato all’investitore – nel 16% dei casi e una vittoria dello Stato nel 17% dei casi. E gli altri? In quattro casi, la procedura è stata interrotta. E nel 20% dei casi, il risultato dell’arbitrato non è stato reso pubblico! Questo rivela il livello di trasparenza della “giustizia” commerciale.
Questo meccanismo di risoluzione delle controversie “compromette la capacità dei governi nazionali e locali di regolamentare l’interesse pubblico ed è un attacco inaccettabile e inutile contro la democrazia”, avverte il rapporto.

Privatizzazione dei profitti, socializzazione delle perdite …

Fonte: http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=9778
Advertisements

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

acquista ABC ITALIA, edizione 2016

Click here to download “Brexit?”, Fugazzi’s new book on the EU Referendum

ABC Economipedia, 2nd edition now out!

London One Radio

PIL – Professionisti Italiani a Londra

Advertisements
%d bloggers like this: