//
you're reading...
Europe

Il profeta delle Banche centrali: “il QE senza controllo delle Banche centrali porterà il sistema finanziario al collasso”

resize

Fonte l’Antidiplomatico – W. White: “Sono ancora più preoccupato per quello che potrebbe accadere al sistema finanziario nel 2015 rispetto alla crisi Lehman”.

William White, il presidente sivizzero della Commissione di revisione dell’OECD e il profeta economico che aveva previsto la crisi Lehman Brothers con un’incredibile accurateza di dettaglio, si dichiara, in un’intervista ad Ambrose Evans-Pritchard, ancora più preoccupato per quello che potrebbe accadere al sistema finanziario nel 2015.
Con le svalutazioni beggar-thy-neighbour che si stanno diffondendo in ogni regione e con la scelta delle maggiori banche centrali di alimentare bolle speculative, si sta avvicinando quello che White definisce “il giorno della resa dei conti”, frutto del pantano dei mercati emergenti e dal quantitative easing (QE) in Occidente. “Viviamo in un mondo che è pericolosamente non ancorato. Stiamo assistendo a vere e proprie guerre e ognuno è in battaglia. Non ho idea di come potrà finire”.
White sostiene come l’elastico globale si sia ristretto anche di più di quello che è accaduto nel 2008, alla vigilia della Grande Recessione: gli eccessi hanno raggiunto un livello record in tutti gli angoi del globo e il debito privato/pubblico combinato è il 20pc del Pil più alta oggi. “Stiamo tenendo una tigre per la coda”.
White ha poi avvisato che il QE in Europa è destinato al fallimento e potrebbe, al contrario, acuire le difficoltà della regione. “I bond sovrani non sono mai stati così bassi dalla “Piaga Nera”: quanto deprezzamento si può ottenere rispetto al dollaro?”, ha dichiarato.
White ha poi sostenuto che il QE è una mascherata forma di svalutazione competitiva. “I giapponesi lo stanno facendo, senza che nessuno si sta lamentando perché hanno iniziato gli Usa”, ha dichiarato. “Ci sono rischi sistemici perché la Banca del Giappone sta finanziando il 40% delle spese governative. Questo può poratre ad un’inflazione alta, anche l’iperinflazione”. E ancora: “I mercati emergenti sono saltati sul carro per combattere contro la pressione al rialzo sulle loro valute e costruire enormi riserve di cambi. Il problema questa volta è che le multinazionali in questi paesi – soprattutto in Asia e in America latina – hanno preso in prestito 6.000 miliardi dollari in dollari, spesso attraverso i centri off-shore. Questo sta per creare un problema enorme di disallineamento di valuta rispetto al dollaro che si sta apprezzando”.
In questo modo, le Banche centrali sono state messe in una posizione non invidiabile, costrette a rispondere ad un disordine economico profondo e sono di fronte a sfide oltre il loro potere. L’ultima vittima è stata la Banca centrale svizzera, che si è dovuta scontrare contro le forze globali nel tentativo di contrastare l’arrivo dei capitali esteri in Svizzera. “La sola scelta che avevano era quella di prendere il colpo sulla guancia sinistra o quella destra”, ha dichiarato.
White considera la corsa al QE come irrazionale: coloro che argomentano che gli Usa e il Regno Unito stanno crescendo di più dell’Ue perché hanno attuato misure di QE stanno confondendo “la correlazione con la casualità”. I pioneri anglosassoni devono pagare il prezzo. “Gli effetti collaterali saranno molto seri e non sappiamo quello che accadrà quando cercheranno di fare retromarcia rispetto alle decisioni intraprese in questi mesi”, ha concluso.
Fonte: http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=10214
Advertisements

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

acquista ABC ITALIA, edizione 2016

Click here to download “Brexit?”, Fugazzi’s new book on the EU Referendum

ABC Economipedia, 2nd edition now out!

London One Radio

PIL – Professionisti Italiani a Londra

%d bloggers like this: