//
you're reading...
Others

Le misure di austerità colpiscono i più vulnerabili. Rapporto Caritas

resize

Fonte l’Antidiplomatico – Un nuovo rapporto sulla povertà in Grecia, che dipinge un quadro cupo del costo sociale di austerità, dà al governo Tsipras ulteriori argomenti nella sua negoziazione con i creditori internazionali.

“Le persone che pagano il prezzo più alto attualmente sono coloro che non hanno avuto alcun ruolo nelle decisioni che hanno portato alla crisi, e i paesi più colpiti sono tra quelli con le più grandi lacune nei loro sistemi di protezione sociale”, secondo l’ultimo “Crisi Monitoring Report “ pubblicato da Caritas Europa, un ente di beneficenza paneuropeo.

Lo studio è stato condotto in sette paesi che sono stati particolarmente colpiti dalla crisi e / o hanno ricevuto assistenza finanziaria internazionale negli ultimi anni: Cipro, Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Romania e Spagna.
Il rapporto esamina la situazione dei bambini, dei lavoratori poveri, deii disoccupati, dei migranti e delle persone con disabilità.

La Grecia – attualmente al centro del dibattito anti-austerità in Europa – si distingue come un caso particolarmente problematico.

Caritas Grecia gestisce un progetto di mensa e fornitura di abbigliamento, che ha visto aumentare la domanda nel corso dell’ultimo anno, sia per i greci che per gli immigrati.
“Il numero di greci che si avvalgono dei pasti comuni sociali èaumentato ad un ritmo esponenziale – molte di queste persone erano fino a poco tempo fa freelancers di successo, ma ora non hanno i soldi per soddisfare i propri bisogni di vita di base”, si legge nella relazione.
“La Caritas Grecia ha sottolineato gravi riduzioni in termini di reddito e della capacità di acquisto che colpisce tutti coloro con bassi salari, tra cui i lavoratori poveri, puntando in particolare al danno causato da un aumento delle spese di elettricità e costi di trasporto”.

Secondo il rapporto della Caritas, l’Europa ha bisogno di abbandonare l’austerità.
“Le prove raccolte in questo rapporto, e nelle relazioni precedenti, ci portano a concludere ancora una volta che la politica di austerità non funziona per l’Europa e a sollecitare ancora una volta l’adozione di alternative”.
“Questo è in contrasto con la narrazione corrente che le politiche coordinate dall’Europa e sancite in nuove strutture di governance stanno funzionando e che più austerità è ciò che è necessario. Quando la situazione è esaminata dal punto di vista delle persone vulnerabili in Europa, è impossibile essere d’accordo “, dice il rapporto.
Advertisements

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

acquista ABC ITALIA, edizione 2016

Click here to download “Brexit?”, Fugazzi’s new book on the EU Referendum

ABC Economipedia, 2nd edition now out!

London One Radio

PIL – Professionisti Italiani a Londra

%d bloggers like this: