//
you're reading...
Europe

Tsipras lancia una nuova controproposta che accetta gran parte delle condizione poste dai creditori

Fonte, EUNews,

Il primo ministro ellenico Alexis Tsipras è pronto ad accettare la maggior parte delle condizioni poste dei creditori nella loro ultima proposta del 26 giugno allo scopo di continuare con il programma scaduto poche ore fa (il secondo), o comunque con un nuovo programma (il terzo). Ma detta anche le sue condizioni con emendamenti che definisce “concreti e che rispettano pienamente la robustezza e la credibilità dell piano”, condizioni che verranno prese in considerazione dall’Eurogruppo che era previsto in teleconferenza per oggi alle 11:30, ma che è stato spostato alle 17:30, per valutare gli ultimi sviluppi. Il leader di Syriza ha inviato una nuova lettera (pubblicata dal Financial Times) alle istituzioni (Bce, Fmi e Commissione europea) per comunicare che “la Repubblica ellenica è pronta ad accettare l’accordo a livello di staff soggetto ad emendamenti come parte di un’estensione del programma dell’Efsf in scadenza e un nuovo accordo di prestiti con l’Esm”, ovvero il nuovo fondo salva-Stati. Sul fronte dell’Iva Tsipras insiste nel voler mantenere lo sgravio fiscale del 30% sulle isole, così come sul fronte pensioni Tsipras ribadisce che è pronto a far scattare da ottobre (e non da subito come chiedono i creditori) l’aumento graduale dell’età pensionbile a 67 anni entro il 2022. Ancora, Tsipras chiede una “garanzia di solidarietà” per le pensioni più basse, che si dice pronto a eliminare gradualmente ma più lentamente di quanto chiesto dai creditori (entro dicembre 2019).
Ecco punto per punto, rispetto alle proposte della scorsa settimana, dove il governo di Syriza cede e dove resiste con l’ultima offerta.

Iva (resiste)
La Grecia insiste sulla necessità dello sconto del 30% per le isole ma accetta la quota generale al 23%, quella ridotta al 13% solo per acqua, energia elettrica, hotel e cibi “di base”, nonché il supersconto al 6% per medicinali, libri e teatro.

Misure fiscali (cede ma chiedendo più tempo)
Atene accetta di portare al 100% l’anticipo dei pagamenti delle imposte sui profitti dichiarati di aziende e imprese individuali (prima si fermava all’80%), e di eliminare i sussidi sulla benzina per gli agricoltori, ma solo entro al fine del 2017 e non a partire dal bilancio 2016 come chiesto dai creditori.

Difesa (cede ma chiedendo più tempo)
La Grecia accetta i tagli al settore di 400 milioni (prima si fermava a 200), ma anche qui chiede più tempo, ovvero di farlo dal 2017, fermandosi a 200 milioni nel 2016.

Pensioni (cede)
Ribadisce di essere disposto a portarle gradualmente entro il 2022 l’età pensionabile a 67 anni e a 62 per chi ha 40 anni di contributi, ma solo per chi va in pensione dopo il 31 ottobre 2015 (le istituzioni vorrebbero da subito).
Accetta di eliminare, e non più “rimpiazzare”, i contributi statali per l’aumento delle pensioni più basse, il cosiddetto Ekas, entro la fine del 2019, con un’azione immediata sul 20% dei principali beneficiari, come chiesto dai creditori.

Mercato del lavoro (resiste)
La lettera afferma che verrà riformato, ovvero che verrà reintrodotta la contrattazione collettiva, il prossimo autunno.

Mercato dei prodotti (resiste)
Continua a non accettare la rimozione di “tutte” le “non-reciprocal nuisance charges”, tariffe su su alcuni prodotti esteri che li rendono così meno competitivi sul mercato interno. E al posto della precedentemente offerta “drastica riduzione”, il testo parla di una “sostanziale riduzione”.

Privatizzazioni (cede)
Nessun accenno alle privatizzazioni, che dovrebbe voler dire che cede su tutte le richieste, ovvero portare a termine i bandi per la privatizzazione dei porti di Salonicco e del Pireo e dell’aeroporto di Atene, delle compagnie ferroviarie Trainose e Rosco e dell’Admie, la compagnia che gestisce le infrastrutture dell’elettricità.

Fonte, http://www.eunews.it/2015/07/01/grecia-lultima-proposta-tsipras-ai-creditori-dove-cede-e-dove-resiste/38326

Advertisements

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

acquista ABC ITALIA, edizione 2016

Click here to download “Brexit?”, Fugazzi’s new book on the EU Referendum

ABC Economipedia, 2nd edition now out!

London One Radio

PIL – Professionisti Italiani a Londra

%d bloggers like this: