//
you're reading...
NEWSLETTER

Dottore London, intervista a Giorgia Bacco

Estratto dalla Newsletter No. 2 (1/2016) di ABC Economics disponibile in formato PDF qui: https://goo.gl/GgAkV1

Intervista realizzata da PAOLA DE PASCALI

Dietro ogni storia di successo c’è  sempre tanto impegno, passione e dedizione, ma anche tanta voglia di far materializzare i propri sogni. Questo atteggiamento è tipico dello spirito d’intraprendenza delle donne, della loro tenacia che va al di là di ogni avversità. 

E questo è il caso di Giorgia Bacco, giovane imprenditrice italiana che è ripartita da zero a Londra, mettendo in piedi la start-up Dottore London, la prima clinica di medici italiani nella capitale dell’Albione. Come studentessa della London Metropolitan University ha saputo cogliere l’opportunità di entrare nell’incubatore di start-up dell’università, passando la selezione e vincendo il concorso The Big Idea Challenge. Ad oggi Dottore London conta oltre 100 pazienti al mese.

Come opera Dottore London?

Dottore London è uno studio medico privato italiano che consente ai pazienti di prenotare una visita specialistica, a seconda delle loro personali esigenze. Al momento i servizi offerti sono ginecologia, pediatria, dermatologia, otorinolaringoiatria, fisioterapia e psicoterapia. Comunque se il paziente ha bisogno di altri specialisti che non fanno parte del nostro team, possono anche fare riferimento ad altri medici italiani a Londra con i quali abbiamo instaurato una rete di collaborazione.

Com’è nata l’idea di Dottore London?

L’idea nasce da un’esigenza, in particolare dal bisogno di tante donne italiane a Londra di avere un ginecologo di riferimento, senza non dover tornare in Italia ogni volta che si ha bisogno di un controllo. E lo stesso vale per pediatria. Non a caso ginecologia e pediatria sono le specialità in cui l’approccio britannico si differenzia maggiormente da quello italiano.

Perché hai optato per il mercato londinese?

Londra è la città dove ho studiato e ho deciso di vivere, ma l’idea di Dottore London è arrivata dopo. Probabilmente Londra ha fatto sì che l’idea di Dottore London nascesse e si realizzasse in brevissimo tempo per vari motivi. In primis, l’esigenza di avere dei medici italiani a Londra che possano curare gli italiani come avviene in Italia. E questo poteva solo accadere in una città e in un Paese dove il sistema sanitario e la cultura sono completamente diversi.

Tra l’altro un bacino di utenza così ampio poteva facilmente trovarsi in una città dove negli ultimi anni l’immigrazione italiana è aumentata notevolmente. Si tratta di una nuova immigrazione con caratteristiche ed esigenze specifiche, diverse da quelle degli immigrati italiani che risalgono a dieci anni fa.

Infine, Londra mi ha dato la possibilità di realizzare l’idea in tempi record. Dottore London nasce come start-up che si sviluppa in un incubatore di start-up (Accelerator – London Metropolitan University), divenendo realtà nell’arco di sei mesi e inizia ad operare dopo nove mesi con immediato riscontro da parte della comunità italiana.

Chi sono i vostri avversari?

Non abbiamo competitor diretti, ci sono diverse strutture mediche con medici italiani, alcune operanti, altre meno.

Noi ci distinguiamo per essere il primo studio medico italiano a Londra di ginecologia e pediatria che adesso copre anche altre specialità mediche. L’arrivo di altri medici specializzati in altri campi è scaturito dalla richiesta da parte dei nostri pazienti che necessitano di altri specialisti italiani. E presto ne aggiungeremo altri per garantire un servizio completo.

Qual è il vostro punto di forza?

Il valore aggiunto del nostro staff medico si contraddistingie per altissima professionalità e umanità.

Garantiamo inoltre un ottimo servizio ai pazienti, essendo sempre disponibili e pronti ad andare incontro alle loro esigenze, nel limite del possibile.

Quali sono le maggiori difficoltà che state incontrando o che avete riscontrato fino ad ora nel vostro business?

La difficoltà più grande è stata, ed è ancora tuttora, quella di trovare una location che possa soddisfare tutte le nostre esigenze e che ci permetta di sopravvivere come start-up.

Quali consigli daresti a chi vuole intraprendere la carriera imprenditoriale?

Chiederei se hanno veramente voglia di imbattersi in qualcosa che richiede tanta energia, coraggio e dedizione. Ovviamente tutto l’impegno viene ripagato  con molte soddisfazioni! Londra dà la possibilità agli imprenditori di far nascere e crescere progetti piuttosto facilmente. Bisogna, però, avere tanta buona volontà e perseveranza per rimanere in gioco. Le difficoltà ci sono, ma solo una forte motivazione, può condurre al successo.

Come state promuovendo o intendete promuovere il brand?

Tutto ruota attorno al passaparola: i pazienti soddisfatti raccomandano Dottore London ad amici e conoscenti. Questo è il modo più economico e potente per lanciare una start-up.  E per arrivare a questo  c’è voluta molta attività di comunicazione e marketing iniziale.

Avete intenzione di potenziare i vostri servizi medici?

Sì, la volontà è di espanderci, non sappiamo ancora quali saranno le modalità, ma abbiamo diversi progetti per il futuro finalizzati ad affinare i servizi offerti ai nostri pazienti.

dottore london

Advertisements

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

acquista ABC ITALIA, edizione 2016

Click here to download “Brexit?”, Fugazzi’s new book on the EU Referendum

ABC Economipedia, 2nd edition now out!

London One Radio

PIL – Professionisti Italiani a Londra

%d bloggers like this: